"La cura dell'orto"

La Cura dell'Orto per la Qualità di Vita nella Oncologia del Niguarda Cancer Center

Il progetto “La Cura dell’Orto” è nato nel 2009 in occasione del venticinquesimo anniversario della Fondazione Oncologia Niguarda Onlus. L’orto si propone, in questo contesto, come metafora della cura, della pazienza, della fiducia e della progettualità vitale, ma anche come stile di vita e di alimentazione, come cultura per la salute.

 Eventi:

  • Settembre 2009 - 25°anniversario Onlus

Per ricordare il venticinquesimo anniversario della Fondazione e raccogliere fondi in suo favore, è stato realizzato il progetto “La cura dell’orto” che, attraverso il gesto simbolico della semina di alcune piante officinali sul terrazzo del reparto e della successiva cura, da parte dei malati, rappresenta una duplice metafora del paziente lavoro del giardiniere e dell’impegno verso una vita più equilibrata. 
L’evento si proponeva di portare alcune piante orticole, messe disposizione dai F.lli Ingnegnoli di Milano, nelle terrazze del reparto da affidare alle cure dei degenti. Forte dell’esperienza della cooperativa sociale nella casa di reclusione di Bollate, Susanna Magistretti ha accettato di occuparsi dell’allestimento delle terrazze. Seguirono corsi di formazione, in ospedale, sulla coltivazione dell’orto. La coltivazione dell’orto, che può apparire una scelta originale, è stata oggetto di una ricerca pubblicata sul British Medical Journal che ha rivelato effetti positivi sulla salute psico-fisica di chi vi si dedica. 
L’evento si è concluso con la Cena di Gala tenutasi il giorno 17 Settembre 2009 a Villa Lonati un’antica villa lombarda di proprietà del Comune, vicina all’Ospedale. Per sottolineare il legame con il tema dell’orto è stata scelta una delle grandi serre della villa utilizzata come vivaio, lasciando ben visibili le piante contenute: una cornice insolita, un allestimento naturale per sottolineare lo scopo benefico della serata.
Alla cena hanno partecipato circa 200 persone tra benefattori, autorità e personaggi del mondo della cultura e dell’arte, oltre al personale medico. In questa occasione fu allestita un’esposizione di oggetti attinenti al tema orticolo affiancata da una mostra di opere d’arte: grafiche di artisti del calibro di Capogrossi, Munari, Alviani ed altri ancora.  Nel corso della cena si è tenuta un'asta. Il menù della cena, interamente vegetariano con ingredienti provenienti dagli orti lombardi, è stato curato dall’associazione Il Cenacolo un catering composto da uno staff di 40 persone che devolve gli incassi alla propria comunità di recupero.
La serata è stata condotta da Paolo Limiti e un quartetto di musicisti de La Scala che ha eseguito brani di musica classica.

 

  • Settembre 2012 - Terrazzo da Vivere: un giardino "da guardare" e "da mangiare"

Il progetto “La Cura dell'Orto per la Qualità di Vita nella Oncologia del Niguarda Cancer Center: un giardino «da guardare» e «da mangiare» intende procedere con fermezza nel perseguimento dell’innalzamento della qualità della vita degli ammalati e dei loro amici e familiari attraverso la realizzazione di spazi dedicati al verde e all’incontro.
Il paziente dell’Oncologia troverà un giardino inaspettato, in cui godere di un po’ di aria fresca, di una pausa, in cui rivolgere lo sguardo e la mente alla natura, che ripete, ogni istante il rito meraviglioso della vita, nella convinzione che questo abbia un impatto positivo sulla vita dell’ammalato.

Dona il tuo ‪#‎5xmille‬ a ‪#‎FondazioneOncologiaNiguarda‬ Onlus dell'Ospedale Niguarda di Milano per ricerca, borse di studio e accoglienza.
CF 97030760157 NON COSTA NULLA!
Clicca QUI per le istruzioni.

I ricercatori si raccontano

Il Notiziario

Il Notiziario

Scarica il notiziario della Fondazione Oncologia Niguarda Onlus

Iniziative

Questo sito utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata, per rendere più agevole la navigazione e garantire la fruizione dei servizi.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.